Marzo 2014

ENOGEA - SPIGOLATURE DI TERRE DI TOSCANA: DUEMANI , 18 Marzo 2014

E’ quanto mai importante la presenza aziende biologiche replica iwc watches uk e biodinamiche tra i banchi di
Terre di Toscana. Il trend è certamente in crescita e sono sempre più gli appassionati o i
semplici curiosi che ricercano e si interessano ai vini di aziende attente al territorio. E la fila
ai banchi d’assaggio ne è la testimonianza.
Una delle aziende che seguo sin dagli esordi è Duemani di Luca D’Attoma ed Elena Celli in
quel di Riparbella.
Un terroir dal forte influsso marino a 200 metri slm, terreni sassosi, poveri e siccitosi su cui
nel 2004 furono impiantate le vigne di merlot, syrah e cabernet franc. Sin da subito si scelse
il regime biodinamico certificato: solo concimazione organica e sovescio per arricchire il
terreno, rame e zolfo in quantitativi strettamente necessari, preparato 500 (corno letame) e
501 (corno silice) e, in vinificazione, solo lieviti indigeni. I vini, sin dalla prima annata,
hanno mostrato gran carattere e forza tannica, caratteristiche che, col passare delle
vendemmie, risultano sempre più amalgamate a favore di un’espressività calda e
convincente, come dimostra la batteria presentata in questa edizione.
Cifra 2012 (cabernet franc): scuro, di bell’impatto, colpisce subito per la ricca speziatura
all’olfatto, balsamico di eucalipto e alloro, solare e mediterraneo di macchia e frutta matura
scura, prugna e more in primis. Bocca saporita, bella trama tannica, nessuna astringenza a
facilitarne la bevibilità. Lungo e fruttato il retrolfatto.
Altrovino 2011 (50% cabernet franc – 50% merlot): l’annata siccitosa e la zona,
tendenzialmente calda, donano un vino di impatto maturo, caldo, col frutto scuro ben
evidente, cenni di resina e silvestri, grafite e cenni vegetali, ancora chiuso e da assestarsi
olfattivamente. Il sorso è possente, ampio, qui il tannino è più presente e ancora da
amalgamarsi ad una struttura non banale.
Suisassi 2010 (syrah): altro passo, altra storia e annata diversa. Si avverte subito maggior
freschezza, un profilo più arioso e rilassato. Al naso l’oliva infornata, il pepe, la macchia
mediterranea, il frutto è sempre scuro ma vigoroso con mora, e prugna, liquirizia. Bocca
possente, tannino robusto ma decisamente integrato in sorso lungo e fruttato, selvaggio e
scalpitante. Di lunga vita e prospettiva evolutiva.
Duemani 2010 (cabernet franc): l’annata favorevole trasmette energia e freschezza al vino,
giocato sulla florealità, il tipico friggitello, un frutto croccante di visciola e prugna, erbe
aromatiche e solarità mediterranea. Il sorso come al solito è di grande impatto, la struttura e
il tannino del vino sono bilanciati da una grande componente sapida. L’acidità dona slancio
alla beva, lunga la scia fruttata.
DI ALESSIO PIETROBATTISTA
(www.enogea.it)
swiss replica watches forever





> DUEMANI - ENOGEA pag2

< Precedente

Successivo >